SR-ERO Segretariato Regionale del MIBAC per l'Emilia-Romagna
Pubblica amministrazione

Mirandola (MO) - Chiesa San Francesco d'Assisi - Concorso di progettazione per interventi di conservazione, restauro e valorizzazione

Oggetto: Mirandola (MO) - Chiesa San Francesco d'Assisi - Concorso di progettazione per interventi di conservazione, restauro e valorizzazione
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 80.600,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 80.600,00
CIG:
CUP: F84B16000580001
Stato: Gara annullata
Motivazione: Si comunica che con Decreto del Segretario Regionale nr. 9 del 05 marzo 2020 la procedura di gara è stata revocata.
Centro di costo: Ufficio Appalti
Data pubblicazione: 27 dicembre 2019 19:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 24 gennaio 2020 19:00:00
Data scadenza: 31 marzo 2020 23:59:00
Documentazione gara:
Per richiedere informazioni: sr-ero.appalti@beniculturali.it

SI COMUNICA CHE CON DECRETO NR. 9 DEL 05 MARZO 2020 LA PROCEDURA E' STATA REVOCATA

 

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

Arch. Corrado Azzollini

Elenco chiarimenti

Chiarimento n. 1

Domanda:

Alla cortese attenzione del RUP. Per quanto riguarda i requisiti economici e il requisito minimo delle unità. 1) I requisiti economici devono essere già giustificati e dimostrati nel primo grado o solo in caso di vincita e quindi con passaggio al secondo grado? 2) Le unità minime richieste (1 esperto in restauro, 1 strutturista, 1 impiantistica elettrico e 1 esperto per l'impiantistica) sono da intendersi obbligatorie e figuranti al momento dell'invio della domanda del primo grado?

Risposta:

RISPOSTA 1: Per l’ammissione al 1° grado di concorso bisogna solo riportare nelle dichiarazioni il possesso dei requisiti di ordine generale e di idoneità professionale (art. 3.2 del Disciplinare) e il possesso dei requisiti speciali e di ordine economico (art. 3.3), allegando una dichiarazione di impegno rilasciata da apposita compagnia assicurativa in merito al massimale della polizza che potrà essere incrementato in caso di vincita. Alla consegna degli elaborati previsti per il 2° grado del concorso, i cinque gruppi selezionati dovranno notificare eventuali intenzioni d’integrazione e modifiche finalizzate all’incremento dei requisiti speciali, ma sempre mediante autodichiarazione.

La presentazione degli attestati di tali requisiti (copia dei certificati ecc.) è opzionale e sarà obbligatoria, al 2° grado, solo in caso di richiesta da parte della commissione esaminatrice e, nelle verifiche preliminari all’attribuzione dell’incarico, per il primo classificato, o per il gruppo successivo in graduatoria in caso di mancata attestazione del primo.

RISPOSTA 2: Le unità tecniche minime si riferiscono alle prestazioni specialistiche indispensabili per lo sviluppo del progetto di fattibilità tecnica ed economica finale e possono essere indicate negli atti da presentare per la partecipazione al 2° grado di concorso. Tuttavia, nel valutare la competenza e l’idoneità organizzativa, già nella prima selezione la commissione dovrà valutare la ‘composizione del gruppo’ e il bilanciamento dei ruoli imprescindibili con specializzazioni di minor incidenza economica e anche con eventuali professionalità non previste dal bando (criterio D della Tabella “CRITERI QUALITATIVI PER IL 1° GRADO DI CONCORSO” pubblicata all’art. 4.6 del Disciplinare).

Chiarimento n. 2

Domanda:

Si richiede se sia possibile effettuare un sopralluogo sul sito. Distinti saluti

Risposta:

Non sono previsti sopralluoghi. Per maggior comprensione del sito, sono stati aggiunti alla documentazione di concorso due pdf di fotografie con localizzazione in pianta delle riprese

Chiarimento n. 3

Domanda:

Si chiede di specificare come sarà garantito il punto "3.8 Anonimato" del Disciplinare in riferimento al criterio di valutazione "d.1 Composizione del gruppo di lavoro" del punto 4.6.

Risposta:
  • La documentazione amministrativa dovrà essere caricata con le modalità previste dal bando: Il DGUE (modello da scaricare dalla piattaforma), la domanda di partecipazione e le varie dichiarazioni dovranno essere redatte su schema libero (per la domanda di partecipazione e per le dichiarazioni non sono previsti modelli specifici da scaricare) e caricate sulla piattaforma;
  • L’offerta tecnica (nei vari documenti e allegati di cui sarà composta) dovrà essere caricata in forma strettamente anonima pena l’esclusione dal concorso.

 

Il Funzionario per le tecnologie Dario Fabio Biondi è il responsabile della procedura di gara che, coadiuvato dal personale della stazione appaltante, alla chiusura del bando procederà alla verifica preventiva della documentazione amministrativa pervenuta dai vari concorrenti ammettendo alla fase successiva coloro i quali saranno in possesso dei requisiti richiesti dal bando di gara.

Alla conclusione della fase di verifica del possesso dei requisiti da parte dei concorrenti, sarà nominata la Commissione tecnica di esperti del settore ex artt. 77 e 155 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. che dovrà valutare le proposte pervenute e presentate in forma anonima dai vari concorrenti e che abbiano superato la precedente fase relativa al possesso dei requisiti.  

Sarà cura del responsabile della procedura di gara garantire l’anonimato degli elaborati tecnici da consegnare alla Commissione tecnica giudicatrice.

L'indicazione relativa alla composizione del gruppo di lavoro dovrà riguardare esclusivamente le professionalità, non i nominativi dei partecipanti, la commissione valuterà i ruoli presenti nel gruppo, non gli specifici partner, in quanto non dovrà essere indicato alcun nominativo, pena l'esclusione dalla procedura.

Chiarimento n. 4

Domanda:

Si pongono i seguenti quattro quesiti: 1) Per la definizione degli elaborati progettuali richiesti per il 2° grado si fa riferimento al progetto di fattibilità indicato nel Codice Appalti o al Progetto richiesto dalla Regione per l'approvazione da parte della Commissionie congiunta? 2) Che qualifica deve avere l'esperto di restauro dell'architettura, va bene la Laurea in Architettura? 3) Nel caso in cui il concorrente si avvalga di altre persone possono essere indicate semplicemente come consulente o dovranno essere incluse nel raggruppamente. 4) L'eventuale raggruppamento da costituire deve essere redatto già nella fase di 1° grado?

Risposta:

RISPOSTA 1: Per la definizione degli elaborati progettuali richiesti per il 2° grado si fa riferimento "Progetto di fattibilità tecnica ed economica" indicato all’art. 23 del D.Lgs. 50/2016 (cd. Codice degli Appalti) e dall’art. 15 del D.M. Mibact n. 154 del 22.08.2017

RISPOSTA 2: L’esperto di restauro può avere una Laurea in Architettura come titolo di studio, dimostrando la sua competenza con la formazione specialistica e/o con le esperienze professionali pregresse.

RISPOSTA 3: I componenti del gruppo di progettazione possono essere consulenti occasionali per le competenze specialistiche complementari, mentre le professionalità indicate come unità minime imprescindibili devono essere presenti in organico, ovvero possedute da consulenti di tipo stabile (cfr. art. 3.3.2 del Disciplinare e punto. 2.2.2.1 ltr. d delle Linee guida ANAC n. 1, di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016 n. 50) o da professionisti che si accorperanno al proponente in un raggruppamento temporaneo di operatori economici, che può essere costituito al momento della vincita. L’equilibrio e l’affidabilità professionale del raggruppamento sarà materia di valutazione per il passaggio dal 1° al 2° grado di concorso.

RISPOSTA 4: L’eventuale raggruppamento da costituire dev’essere illustrato già al 1° grado, perché la composizione del gruppo è materia di valutazione, ma, per concorrere al 2° grado, potrà essere modificato e integrato con nuovi operatori, che non siano stati già proposti al 1° grado da nessuno dei gruppi partecipanti, neanche in qualità di marginali collaboratori.

Chiarimento n. 5

Domanda:

In riferimento al punto 3.7.1) pagina 15 del Disciplinare, si parla di una chiave pubblica messa a disposizione dei partecipanti e di una guida illustrativa per le procedure di criptazione. Vorremmo capire dove è consultabile la suddetta guida e chi ci fornisce la chiave. Avremmo inoltre alcuni quesiti a riguardo: 1. Come e quando si effettua la scelta del codice alfanumerico prescelto? 2. I partecipanti devono criptare la documentazione sia amministrativa che tecnica? 4. Al punto 4.1 pagina 17 del Disciplinare si indica di trasmettere i documenti amministrativi attraverso una cartella compressa zip (criptata) ma sul portale l'invio sembra consentito caricando i files in tre campi distinti. Come dobbiamo procedere? 3. Effettuando una prova sul portale risulta possibile caricare i files richiesti ed arrivare all'invio finale senza effettuare nessuna procedura di criptazione. Può considerarsi valido cmunque?

Risposta:
  • La documentazione amministrativa dovrà essere caricata con le modalità previste dal bando: Il DGUE (modello da scaricare dalla piattaforma), la domanda di partecipazione e le varie dichiarazioni dovranno essere redatte su schema libero (per la domanda di partecipazione e per le dichiarazioni non sono previsti modelli specifici da scaricare) e caricate sulla piattaforma;
  • L’offerta tecnica (nei vari documenti e allegati di cui sarà composta) dovrà essere caricata in forma strettamente anonima pena l’esclusione dal concorso.

 

Il Funzionario per le tecnologie Dario Fabio Biondi è il responsabile della procedura di gara che, coadiuvato dal personale della stazione appaltante, alla chiusura del bando procederà alla verifica preventiva della documentazione amministrativa pervenuta dai vari concorrenti ammettendo alla fase successiva coloro i quali saranno in possesso dei requisiti richiesti dal bando di gara.

Alla conclusione della fase di verifica del possesso dei requisiti da parte dei concorrenti, sarà nominata la Commissione tecnica di esperti del settore ex artt. 77 e 155 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. che dovrà valutare le proposte pervenute e presentate in forma anonima dai vari concorrenti e che abbiano superato la precedente fase relativa al possesso dei requisiti.  

Sarà cura del responsabile della procedura di gara garantire l’anonimato degli elaborati tecnici da consegnare alla Commissione tecnica giudicatrice.

L'indicazione relativa alla composizione del gruppo di lavoro dovrà riguardare esclusivamente le professionalità, non i nominativi dei partecipanti, la commissione valuterà i ruoli presenti nel gruppo, non gli specifici partner, in quanto non dovrà essere indicato alcun nominativo, pena l'esclusione dalla procedura.

Chiarimento n. 6

Domanda:

Alla cortese attenzione del RUP le pongo i seguenti quesiti: Quesito 1 - In caso di RTP da costituire, solo la mandataria deve possedere un'assicurazione pari al 10% dell'importo lavori o ogni singolo membro del raggruppamento? Quesito 2 - La mandataria deve possedere il 50% dei requisiti economici, deve anche svolgere una pari percentuale nell'ambito del raggruppamento o può variare tale percentuale? Quesito 3 - A pag. 5 del Disciplinare di gara si trovano le 3 id di opera IA 01 25.200,00€, IA 02 186.250,00€, IA4 141.145,00€, a pag. 13 invece troviamo che i requisiti di partecipazione e da inserire nel DGUE sono IA02 186.250,00 e IA 04 141.145,00€. Quale delle due è corretta di decidura? Quesito 4 - Inserendo collaboratori esterni, questi anche devono firmare digitalmente la domanda e compilare un proprio DGUE? Quesito 5 - La figura dell'architetto progettista e specializzato in restauro e quella di direttore tecnico esperto in restauro possono coincidere con la stessa persona o devono essere due figure differenti? Quesito 6 - Nel quadro esigenziale si parla del restauro delle superfici decorate, si può avere una specifica piu' precisa al riguardo o foto di tali superfici decorate?

Risposta:

RISPOSTA 1: In caso di R.T.P., la copertura assicurativa di cui all’art. 3.3.1 del Disciplinare dev’essere dimostrata/autocertificata dalla mandataria, ai sensi dell’art. 103 comma 10 del D.Lgs. 50/2016, in cui si afferma: «In caso di raggruppamenti temporanei le garanzie fideiussorie e le garanzie assicurative sono presentate, su mandato irrevocabile, dalla mandataria in nome e per conto di tutti i concorrenti, ferma restando la responsabilità solidale tra le imprese».

 

RISPOSTA 2: Il paragrafo 3.3 del disciplinare di gara prescrive che, in caso di raggruppamenti, il possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa deve essere dimostrato dal mandatario nella misura non inferiore al 50% e dai mandanti per il restante 50%.

 

RISPOSTA 3: Fra i requisiti di capacità tecnica e professionale per la partecipazione sono stati intenzionalmente esclusi i costi stimati per gli impianti a fluido ( IA.01 ), in quanto, vista la proporzione rispetto agli altri importi, si potrebbero attribuire anche a consulente o collaboratore occasionale.

 

RISPOSTA 4: I collaboratori di cui si avvale il progettista o il R.T.P. possono compilare un proprio DGUE soltanto se in possesso dei requisiti di ordine generale e idoneità professionale (laurea pertinente e iscrizione all’Albo corrispondente). In caso contrario, possono essere semplicemente indicati, anche solo nel ruolo che rivestiranno, nel DGUE del progettista concorrente.

 

RISPOSTA 5: Sì, le figure di architetto progettista specializzato in restauro e di direttore tecnico esperto in restauro possono coincidere nella stessa persona.

 

RISPOSTA 6: I decori architettoniche e le superfici decorate a stucco o a tinte piatte sono riscontrabili sulla documentazione fotografica fornita. I resti di decorazione pittorica policromatica sono esigui e qualitativamente assimilabili alla porzione di intonaco dipinto della foto a pag. 20 del PDF fotografico allegato col nome: “foto post sisma (16 gennaio 2020 9:52:37)”, scaricabile sul sito del concorso https://sr-ero-beniculturali.acquistitelematici.it/tender/7

Chiarimento n. 7

Domanda:

AVVISO DI PROROGA

Risposta:

SI COMUNICA, PER SOPRAVVENUTE ESIGENZE TECNICHE, IL TRASFERIMENTO DELLA PROCEDURA DALLA PIATTAFORMA TELEMATICA DEL SEGRETARIATO REGIONALE MIBACT EMILIA-ROMAGNA ALLA PIATTAFORMA DEL CNAPPC PER I CONCORSI DI PROGETTAZIONE

https://concorsiawn.it

I TERMINI E LE SCANDENZE INDICATE NEL BANDO E RELATIVO DISCIPLINARE

SONO PROROGATI DI 36 GIORNI

CON NUOVA SCADENZA PER ISCRIZIONE E CONSEGNA 1° GRADO AL

31.03.2020

 A MIGRAZIONE AVVENUTA SARANNO PUBBLICATI

L’INDIRIZZO WEB SPECIFICO E IL NUOVO CALENDARIO

 

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

Arch. Corrado Azzollini

Chiarimento n. 8

Domanda:

AVVISO DI REVOCA DEL BANDO

Risposta:

Si comunica che con Decreto del Segretario Regionale nr. 9 del 05 marzo 2020 la procedura di gara è stata revocata.