SR-ERO Segretariato Regionale del MIBAC per l'Emilia-Romagna
Pubblica amministrazione

servizio di progettazione e realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata al lancio del brand ducato estense, per la promozione dei territori estensi come sistema territoriale ad alta attrattività turistica

Oggetto: servizio di progettazione e realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata al lancio del brand ducato estense, per la promozione dei territori estensi come sistema territoriale ad alta attrattività turistica
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 495.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 495.000,00
CIG: 8558621D77
CUP: F68I16000030001
Stato: Aggiudicata
Centro di costo: Ufficio Appalti
Aggiudicatario : Centounopercento Srl- Pixell Srl - DM Cultura Srl - Capofila: Centounopercento S.r.l.
Data aggiudicazione: 22 luglio 2021 0:00:00
Importo di aggiudicazione comprensivo degli oneri: € 480.150,00
Data pubblicazione: 30 dicembre 2020 10:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 05 febbraio 2021 23:59:00
Data scadenza: 16 febbraio 2021 18:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Domanda di partecipazione
  • Autocertificazione
  • Documento di Identità
  • Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Curriculum vitae Elisa Montaguti 25/03/2021 11:10 Curriculum commissari
Curriculum vitae Licia Giannelli 25/03/2021 11:11 Curriculum commissari
Curriculum vitae Massimo Romano 25/03/2021 11:11 Curriculum commissari
Decreto nomina Commissari offerta tecnica 25/03/2021 11:09 Determina di nomina della commissione di gara
Verbale fase amministrativa 17/03/2021 16:18 Verbali

Elenco chiarimenti

Chiarimento n. 1

Domanda:

Rif. bando Servizio di progettazione e realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata al lancio del brand Ducato Estense - CIG: 8558621D77 Richiesta chiarimento per codice CPV 92111000 servizi di produzione di film e video: Nella sezione del disciplinare di gara N. 7.1 “requisiti di idoneità” è indicata: iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato per attività coerenti con quelle oggetto della presente procedura di gara. Le attività della nostra società, indicate nell'oggetto sociale della visura camerale della CCIAA di Bologna, comprendono tra le altre la realizzazione di campagne di promozione, iniziative giornalistiche, grafiche, librarie, cinematografiche, radiotelevisive, ecc. curandone la redazione, la pubblicazione e la diffusione, organizzazione convegni e fiere, pubbliche relazioni e comunicazione, attività di promozione pubblicitaria, ricerche di mercato e sondaggi di opinione, oltre ad altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale. Tali attività rientrano nel macro codice CPV 79000000-4 "servizi per le imprese: servizi giuridici, di marketing, di consulenza, di reclutamento, di stampa e di sicurezza”. Vorremmo pertanto verificare se il fatto di non rientrare nel codice CPV principale da voi indicato 92111000 ci permette ugualmente di partecipare alla gara suindicata, a fronte di un CPV che attesta l’esecuzione di attività coerenti con quelle oggetto della gara stessa.

Risposta:

Nel Disciplinare di gara all’art. 7.1 “Requisiti di idoneità” viene richiesta l’iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato per attività coerenti con quelle oggetto della procedura di gara. L’elenco delle attività presenti nell’oggetto sociale deve pertanto essere messo in relazione con l’oggetto della procedura di gara precisato nella tabella descrittiva dell’art. 3 del Disciplinare di gara “Oggetto dell’appalto, importo”. In tale tabella sono infatti indicati i servizi di documentazione e comunicazione, funzionalmente correlati, che costituiscono l’oggetto dell’appalto. Il CPV 92111000-2 servizi di produzione di film e video identifica il servizio definito quale Principale nella stessa tabella.

In merito ai requisiti speciali si segnala che per la partecipazione alla procedura di gara è necessario possedere i requisiti di capacità economica e finanziaria di cui all’art. 7.2 e i requisiti di capacità tecnica e professionale di cui all’art. 7.3 del Disciplinare di gara.

Chiarimento n. 2

Domanda:

Buongiorno, per la parte di produzione video vengono richiesti dei requisiti particolari in termini di fatturato specifico sulla parte culturale o è sufficiente dimostrare il fatturato annuale di produzione video? grazie

Risposta:

Si rinvia a quanto indicato nel Disciplinare di gara all’art. 7.3 “Requisiti di capacità tecnica e professionale”

ed in particolare:

Esecuzione negli ultimi cinque anni dei seguenti servizi analoghi (…)

  • uno o più servizi analoghi per la realizzazione di audiovisivi di carattere turistico – culturale per un importo complessivo pari a € 60.000,00.

Chiarimento n. 3

Domanda:

Rif. bando Servizio di progettazione e realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata al lancio del brand Ducato Estense - CIG 8558621D77: 1) Relativamente all'Azione 4 indicata da Capitolato – Campagna fotografica — si domanda: se sia disponibile un elenco dei 240 beni architettonici estensi che dovranno essere oggetto della campagna fotografica, dal momento che sul sito https://cantiereestense.it così come sul sito www.tourer.it non ci sembra possibile ricavare la lista puntuale; se la Committenza abbia già idea del numero minimo di scatti per ogni bene, o se questa scelta sia affidata alla proposta dei partecipanti al bando. 2) Relativamente all'Azione 5 indicata da Capitolato – Produzione di documentazione audiovisiva – si domanda se sia disponibile un elenco dei 130 beni architettonici estensi che dovranno essere oggetto dei documentari brevi. 3) Per quanto riguarda l'Azione 9 indicata da Capitolato – Progettazione sistema di segnaletica: si richiede – in relazione all'importo dedicato a questa linea di attività a pag. 7 del Disciplinare (5.000 euro) – se debbano compresi nell'offerta solo la progettazione e la realizzazione esecutiva delle segnaletiche, o anche anche la produzione e l'installazione; nel caso in cui sia necessaria anche l'installazione, la richiesta dei permessi per la collocazione in sede sarà in capo alla Committenza o all'aggiudicatario? è disponibile l'elenco dei beni architettonici estensi che dovranno essere oggetto di segnaletica? 4) Per quanto riguarda l'Azione 11 indicata da Capitolato – Attività di relazione con gli stakeholder si domanda – anche in relazione all'importo dedicato a questa linea di attività a pag. 7 del Disciplinare (10.000 euro) – che cosa si intenda per "Progettazione di contest per scuole e studenti": è prevista la sola proposta progettuale o nel budget devono rientrare anche l'organizzazione e l'esecuzione, inclusi i costi vivi? Per "scuole e studenti" a quali ordine e grado di scuole si fa riferimento? Su quali territori? 5) Per quanto riguarda l'Azione 13 indicata da Capitolato – Attività di media e digital planning e buying – è richiesta la pianificazione unicamente su canali digitali o anche su canali offline come stampa e radio? La linea 13 del Capitolato, infatti, sembra richiedere la sola attività digital, ma all'Azione 6 viene inserita anche la produzione di uno spot radio, così come nella tabella di assegnazione dei punteggi (p. 31 del disciplinare) si fa riferimento a entrambe le opzioni ("pianificazione dei mezzi e degli investimenti in inserzioni pubblicitarie e sui canali digitali e social"). Questa risposta sarà dirimente per l'individuazione della figura corretta di esperto in pianificazione media. 6) Relativamente all'offerta tecnica, così come descritta al punto 15 del Disciplinare, si chiede conferma del fatto che i nominativi del gruppo di lavoro e i relativi CV debbano essere indicati SIA all'interno dell'offerta tecnica (documento A), come indicato ai Capitoli 3, 4 e 7, SIA in un documento dedicato a parte (documento B), come indicato alle pagine 25 e 28 del Disciplinare. Oppure, in caso contrario, i CV vanno riportati solo al documento B? 7) Relativamente all'offerta economica si richiede di confermare che nella Busta C vadano inseriti sia il solo prezzo complessivo, come indicato al punto 16 del Disciplinare, sia una tabella che espliciti il valore di ogni linea di attività, come indicato al punto 14 del Capitolato.

Risposta:

 

  1. La lista dei 240 beni architettonici estensi è presente nella documentazione di gara nello specifico nella Relazione tecnico-illustrativa Allegato n. 2 pag.483 del documento digitale.

Si rinvia a quanto indicato nella Relazione tecnico-illustrativa al punto 6.4 “Campagna fotografica” per il numero minimo di scatti.

  1. La lista dei 130 beni architettonici estensi è presente nella documentazione di gara nello specifico nella Relazione tecnico-illustrativa Allegato n. 2 pag. 578 del documento digitale.
  2. Come indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale si richiede la progettazione nelle modalità indicate nella Relazione tecnico –illustrativa al punto 6.9 “Progettazione sistema di segnaletica” e in considerazione delle indicazioni contenute nel punto 6.3.4 “QR Code”.
  3. In merito alla “Progettazione di contest per scuole e studenti” si rinvia a quanto indicato nella Relazione tecnico-illustrativa al punto 6.11 “Attività di relazione con gli stakeholder”.
  4. Si rinvia a quanto indicato nella Relazione tecnico-illustrativa al punto 6.13 “Attività di Media e Digital planning e buying” in merito alle azioni off-line e on-line che compongono la pianificazione dei mezzi. 
  5. Come indicato nel Disciplinare di gara all’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica” la busta B deve contenere a pena di esclusione il documento b): “nominativi e relativi curricula vitae delle figure professionali che saranno impiegate nell’appalto” ai sensi dell’art. 45 comma 4 del D.Lgs. n. 50/2016.

Nel documento a) “Relazione tecnica dei servizi offerti” i curricula vitae sono richiesti relativamente ai Capitoli 3, 4 e 7 in quanto saranno oggetto di valutazione come precisato all’art. 17.1 “Criteri di valutazione dell’Offerta tecnica” del Disciplinare di gara. Nello specifico i curricula vitae sono indicati per il sub criterio 3.2 facente parte del Criterio 3 “Qualità della campagna fotografica”, per il sub criterio 4.2 del Criterio 4 “Modalità operative e qualità della produzione della documentazione audiovisiva” e per il sub criterio 7.1 del Criterio 7 “Qualità del soggetto offerente in relazione a precedenti esperienze in progetti analoghi e qualità delle risorse professionali proposte per il Gruppo di lavoro”.

  1. Come indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale all’art. 14 “Importo dell’appalto”, la busta B Offerta tecnica deve contenere una tabella riassuntiva con il dettaglio delle azioni offerte e la percentuale del budget complessivo dedicata alla realizzazione di ciascuna azione, a pena di esclusione non deve essere esplicitato alcun costo/importo.

La stessa tabella deve essere riportata nella busta C - Offerta economica con l’esplicitazione dei costi preventivati per ciascun servizio/azione e deve contenere a pena di esclusione, come indicato nel Disciplinare di gara all’art. 16, il prezzo complessivo al netto di Iva e/o di altre imposte (…).

Chiarimento n. 4

Domanda:

1. In merito a Disciplinare di gara, punto 5. il raggruppamento di imprese può inteso anche con copia di impegno a costruirlo, e in quale forma, successivamente all’eventuale aggiudicazione della gara, o deve essere formalmente costituito per partecipare come raggruppamento? 2. In merito a Disciplinare di gara, punto 7.3 la comprova dei servizi forniti può essere fatta mediante autodichiarazione con riportato cliente, anno di fornitura e budget dell'attività? 3. In merito a Disciplinare di gara, punto 14.3.1 Le dichiarazioni integrative sono comprese all’interno del documento DGUE fornito o da redarre in documento a se stante? 4. In caso di ATI, la fatturazione sarà suddivisa fra i soggetti o deve emettere fattura solo la mandataria? 5. Le proposte migliorative sono da considerarsi incluse o escluse al budget proposto?

Risposta:
  1. Come indicato nel Disciplinare di Gara all’art. 14.1 “Domanda di partecipazione” è prevista la partecipazione di RTI non ancora costituite. La domanda di partecipazione dovrà essere sottoscritta   da tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento.

Si veda inoltre l’art. 14.3.3 “Documentazione e dichiarazioni ulteriori per i soggetti associati” con l’indicazione delle attestazioni richieste nella dichiarazione per i raggruppamenti temporanei non ancora costituiti.

  1. Si richiama quanto indicato nell’art. 7.3 “Requisiti di capacità tecnica e professionale” del Disciplinare di gara. La comprova del requisito è fornita secondo le disposizioni di cui all’art. 86 e allegato XVII parte II del D.Lgs. 50/2016. In caso di servizi prestati a favore di pubbliche amministrazioni o enti pubblici e/o a favore di committenti privati mediante:
  • originale o copia  conforme dei certificati rilasciati dall’amministrazione / ente contraente con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione;
  • dichiarazione dell’operatore da rendersi in carta semplice ai sensi del D.P.R. 445/2000.
  1. Tutto ciò che non trova corrispondenza nel DGUE dovrà essere comunicato tramite dichiarazioni integrative.
  2. Si richiama a quanto affermato dall’art. 48 comma 16 del D.Lgs. 50/2016: “Il rapporto di mandato non determina di per sé organizzazione o associazione degli operatori economici riuniti, ognuno dei quali conserva la propria autonomia ai fini della gestione, degli adempimenti fiscali e degli oneri sociali. Ognuno dei componenti il RTI mantiene pertanto la propria autonomia ai fini della gestione, degli adempimenti fiscali e degli oneri sociali. L’Agenzia delle Entrate con il Principio di diritto n. 17 del 17/12/2018 ha puntualizzato che (…)”Ne deriva che gli obblighi di fatturazione ai sensi dell’articolo 21 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, nei confronti della stazione appaltante, sono assolti dalle singole imprese associate relativamente ai lavori di competenza da ciascuna eseguiti”.
  3. Si richiama quanto indicato all’art. 17.1 “Criteri di valutazione dell’offerta tecnica” del Disciplinare di gara - Qualità dell’offerta tecnica- Criterio 8 Proposte migliorative e/o progettuali aggiuntive – Sub criterio 8.1. La  proposta che offra prestazioni superiori rispetto a quelle indicate nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale  nella  Relazione tecnico – illustrativa non dovrà comportare  ulteriori oneri e costi per l’Amministrazione in un’ottica migliorativa e/o complementare ai servizi richiesti.

Chiarimento n. 5

Domanda:

Gent.mi, siamo un costituendo Raggruppamento Temporaneo di Imprese, la società partner che si occuperebbe della parte di comunicazione è uno studio associato con tutti i requisiti tecnici e professionali per svolgere il lavoro ma, in quanto studio associato non è iscritto alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura e neppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato come richiesto a pagina 11 del disciplinare di gara a ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande, Questo significa che l'RTI non può partecipare insieme all'offerta insieme allo studio associato? vi ringrazio anticipatamente per le risposte, cordiali saluti, Giorgio

Risposta:

Si conferma, secondo quanto indicato nel Disciplinare di gara all’art. 7.1 “Requisiti di idoneità”, la necessità per i concorrenti dell’iscrizione nel registro tenuto dalla CCIAA oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato. In particolare, in merito al RTI, l’art. 7.4 “Indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, GEIE” prescrive il requisito dell’iscrizione a ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande.

Chiarimento n. 6

Domanda:

Buon pomeriggio, due quesiti: Cap. 1 – Per quanto riguarda la Tavola grafica relativa al logo ci sono delle dimensioni prestabilite o massime? Possiamo immaginare un formato A3? Per quanto riguarda la Campagna potete indicarci quali sono i loghi da utilizzare? Potete inviarceli?

Risposta:

In merito al Capitolo 1 dell’Offerta tecnica si conferma che non sono indicate dimensioni prestabilite o massime per la proposta creativa. Si conferma inoltre che non è indicato l’utilizzo di altri loghi insieme al bozzetto del marchio/logotipo del Ducato Estense.

Chiarimento n. 7

Domanda:

Buongiorno, in merito al capitolo 1 dell'offerta tecnica Criterio n. 1, quando si parla di un prodotto di comunicazione multimediale è sufficiente descrivere solo uno dei prodotti indicati tra parentesi (es. video, sito web, etc. etc.)?

Risposta:
  1. Si conferma che è richiesta la descrizione e l’accesso alla visione di un prodotto di comunicazione multimediale.
  2. Si conferma che nel Gruppo di lavoro è richiesta la figura di un esperto di produzioni audiovisive, non viene indicata una specifica competenza rispetto alle diverse fasi della produzione.

Chiarimento n. 8

Domanda:

Gentili, di seguito alcuni quesiti: 1) Per quanto riguarda la produzione del sistema di segnaletica (Azione 9) si prega di specificare: - In che quantità bisogna produrne? Ovvero quanti cartelli si prevedono per ciascun bene? - Sul disciplinare art. 3 viene imputato un importo di soli 5000€ per l’azione 9 Progettazione segnaletica. Deve essere questo il budget che l’aggiudicatario deve imputare a tale attività? 2) In merito all’attività di relazione con gli stakeholder (Azione 11) tra i prodotti e servizi da realizzare è incluso anche qui “progettazione sistema di segnaletica ed installazione”, trattasi di altri pannelli che si sommano a quelli dell’azione 9? In questo caso si necessita degli stessi chiarimenti di cui al quesito 1). 3) Sul Disciplinare di Gara, ART. 3 Oggetto dell’appalto/Importo - vengono imputati 40.000 euro per attività di media e digital planning e buying. Confermate che debba essere questo il budget da imputare a carico dell’Aggiudicatario per le attività di media e digital planning secondo le indicazioni di programmazione contenute nella Relazione tecnico-illustrativa al punto 6.13 “Attività di Media e Digital planning e buying” in merito alle azioni off-line e on-line che compongono la pianificazione dei mezzi? 4) Le due pagine di CV per ogni soggetto non sono sufficienti per elencare in alcune figure specialistiche le diverse e consistenti esperienze professionali; eventualmente è possibile arrivare a max 3 pagine oppure escludere i titoli, la formazione e l’anagrafica lasciando le sole esperienze nei CV? Diversamente noi non presenteremo un CV in formato europeo ma 1 elenco di esperienze e di lavori realizzati. In attesa di riscontro, saluti.

Risposta:
  1. Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale in merito all’“Azione 9”: è richiesta la progettazione di un sistema di segnaletica secondo le indicazioni contenute nella Relazione tecnica illustrativa punto 6.9 “Progettazione sistema di segnaletica”.
  2. Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale in merito all’“Azione 11” e alla descrizione delle attività contenute nella Relazione tecnica illustrativa punto 6.9 “Progettazione sistema di segnaletica”: tra le attività di relazione da intraprendere con gli stakeholder sono previste le interlocuzioni necessarie per definire un progetto di segnaletica.
  3. Si conferma  quanto specificato all’art. 3 “Oggetto dell’appalto /importo” del Disciplinare di gara. L’importo di € 40.000,00 è l’importo di riferimento indicato per l’Attività di media e digital planning e buying al fine di comporre l’Importo totale a base di gara soggetto a ribasso.
  4. Si conferma che, al fine della valutazione della Relazione tecnica dei servizi offerti di cui all’art. 15 del Disciplinare di gara, per ciascuno dei CV richiesti per i Capitoli 3, 4 e 7 è richiesta una lunghezza massima di due pagine redatte nel rispetto delle caratteristiche indicate.

Chiarimento n. 9

Domanda:

Salve. Richiediamo se i codici Ateco 74.20.11 e 74.20.12 corrispondenti alle attività di fotoreporter e attività di riprese aeree nel campo della fotografia soddisfino il requisito di idoneità per l'oggetto "Produzione documentazione audiovisiva" inserito nella tabella al punto 3 del disciplinare. Cordiali saluti.

Risposta:

Si rinvia a quanto specificato nella Relazione tecnico – illustrativa al punto 6.5 “Documentazione audiovisiva” in merito alla descrizione e alle specifiche caratteristiche della produzione della documentazione audiovisiva oggetto della procedura di gara.

Chiarimento n. 10

Domanda:

Per qo uanto riguarda la campagna fotografica paragrafo 6.4 della relazione tecnico-illustrativa la seguente frase "Le foto devono raffigurare beni sia in panoramiche , che permettano di contestualizzarle l'inserimento nel paesaggio" intendete l'impiego del drone in ogni situazione oppure per alcuni monumenti, per esempio alcuni nel contesto urbano (vicoli stretti) si è consentito lo scatto a terra con un obiettivo grandangolare che permette l'mserimento del momumento in un contesto più ampio?

Risposta:

Si conferma che al punto 6.4 “Campagna fotografica” della Relazione tecnico illustrativa viene richiesto che le foto devono raffigurare i beni sia in panoramiche, che permettano di contestualizzarne l’inserimento, che in dettaglio, in modo da evidenziarne le caratteristiche costruttive così come gli elementi decorativi senza specificare le modalità di ripresa che vengono lasciate alla scelta dell’Aggiudicatario in relazione alle caratteristiche di ciascun bene oggetto della campagna fotografica. Si ritiene opportuno richiamare i criteri di valutazione indicati dall’art. 17.1 “Criteri di valutazione dell’offerta tecnica” del Disciplinare di gara ed in particolare i subcriteri 3.3 e 8.1.

Chiarimento n. 11

Domanda:

In riferimento all'articolazione dell'offerta tecnica (n. 60 pagine - allegati esclusi), come da Disciplinare di gara pt. 15 pag. 25 e seguenti, si specifica che le numerazioni dei singoli paragrafi, nel complesso, sviluppano un totale di n. 62 pagine. Laddove ci si dovesse attenere alla numerazione di 60 pagine sarebbe opportuna una revisione dei capitoli. In riferimento alla richiesta di fornire 1 tavola grafica in allegato per la presentazione dei bozzetti grafici, si richiede se è possibile presentare più esempi in più tavole o se è vincolante presentarne 1. Grazie Cordiali Saluti

Risposta:

Si comunica che per un mero errore materiale all’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica” del Disciplinare di gara è stato indicato che la Relazione tecnica dei servizi offerti deve essere contenuta entro le 60 pagine invece del numero corretto di 62 pagine, come risulta dalla somma del numero massimo di pagine di descrizione richieste all’interno di ciascun capitolo/criterio.

 Si conferma quanto indicato all’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica” del Disciplinare di gara relativamente al Capitolo 1 e al Capitolo 5: per ciascuna delle tavole richieste deve essere presentato un solo bozzetto.

Chiarimento n. 12

Domanda:

Si chiede un chiarimento in merito alla procedura in oggetto e, più precisamente: A pagina 5 del Capitolato speciale descrittivo, in merito all'azione 13, si specifica che il prodotto debba essere un piano di comunicazione unicamente digitale: la progettazione strategica e realizzazione di un piano di comunicazione digitale con l’identificazione del mix dei canali di contatto ritenuti più efficaci in relazione a segmenti e target identificati (ad esempio search, display, social media marketing ecc.); A pagina 45 della relazione tecnico illustrativa, sempre in merito all'azione 13, invece, si prescrive che la pianificazione mezzi possa includere, campagne su stampa nazionale, campagne televisive, campagne out of home. Si chiede di chiarire se l'offerente debba attenersi a quanto disciplinato espressamente e con precisione sul Capitolato speciale descrittivo e quindi che sia da presentare un piano di comunicazione solo digitale.

Risposta:

Si conferma che il Capitolato speciale descrittivo e prestazionale all’art. 1.1 “Azioni/prodotti e servizi” in merito all’Azione 13, richiede la progettazione strategica e la realizzazione di un piano di comunicazione digitale e l’acquisto di spazi sui media e canali digitali e social relativi a tale pianificazione.

La Relazione tecnico illustrativa al punto 6.13 “Attività media e digital planning e buying” indica la possibilità di inserire nella pianificazione una molteplice serie di azioni on-line e off-line. Tale previsione è correlata a quanto indicato nel Disciplinare di gara al Capitolo 6 e al Capitolo 8 dell’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica” e nello specifico che la pianificazione può comprendere mezzi off-line e on-line in un’ottica migliorativa rispetto alle prestazioni minimali indicate nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale.

Chiarimento n. 13

Domanda:

Buongiorno, sono richiesti dei documenti per i quali non ci sono i fac simile. Vuol dire che va bene qualunque formato o potete fornirci quello corretto? Grazie

Risposta:

Tutte le dichiarazioni e/o domande per le quali non sono previsti fac-simili vanno presentate in formato libero

Chiarimento n. 14

Domanda:

Salve. Nella relazione tecnico-illustrativa alla sezione "Documentario: gli Estensi" la stazione appaltante prevede che "l’Aggiudicatario deve promuovere la messa in onda del documentario presso gli operatori più accreditati, al fine di far conoscere ad un ampio pubblico cosa hanno rappresentato gli Estensi per la storia d’Italia, per la storia dell’arte e dell’architettura. L’Aggiudicatario deve proporre al Segretariato regionale, per l’approvazione, l’elenco dei soggetti individuati e disponibili alla diffusione del documentario e le relative modalità.". Chiediamo a tal proposito se: 1) per promozione della messa in onda del documentario si intende l'acquisto di spazi sui media o solo accordi/manifestazioni di interesse da parte degli stessi a trasmettere il documentario? 2) in caso di acquisto di spazi, il costo è a carico dell'aggiudicatario? Grazie.

Risposta:

Si conferma quanto indicato nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.5 “Documentazione audiovisiva” e nello specifico alla voce “Documentario: Gli Estensi”: l’Aggiudicatario deve individuare l’elenco dei soggetti disponibili alla diffusione del documentario, predisporre i relativi accordi per la diffusione, duplicare e consegnare i materiali nello standard concordato e verificare il rispetto degli accordi sottoscritti.

L’eventuale acquisto di spazi per tale finalità rientra nell’Attività di media e digital planning e buying e come precisato nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.13 e nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale art. 1.1 “Azione 13” i costi per l’acquisto degli spazi sui media sono a carico dell’Aggiudicatario.

Si ritiene opportuno richiamare i criteri di valutazione indicati dall’art. 17.1 “Criteri di valutazione dell’offerta tecnica” del Disciplinare di gara ed in particolare il criterio 6 “Qualità della proposta in termini di pianificazione dei mezzi…” e il criterio 8 ”Proposte migliorative e/o progettuali”.

Chiarimento n. 15

Domanda:

Gentilissimi in merito alla Domanda di partecipazione, non essendo presente un fan simile da Allegare è da intendersi la produzione su carta intesta di una domanda di partecipazione standard o esiste vostra modulistica al fine di soddisfare al meglio la richiesta . Per la fideiussione , in caso di RTI è possibile allegare due fideiussioni di pari importo intestate alla mandataria e alla mandante? In attesa di un vostro riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Per la domanda di partecipazione vedi la FAQ nr. 13.

Si conferma quanto indicato nel disciplinare di gara all’art. 10 “Garanzia provvisoria” ed in particolare che in caso di garanzia fideiussoria questa dovrà essere intestata a tutti gli operatori economici del costituito/costituendo  raggruppamento temporaneo.

Chiarimento n. 16

Domanda:

Con riferimento alle indicazioni per la compilazione del DGUE di cui al punto 14.2 del Disciplinare di gara dove a pag. 21 cita: Parte IV – Citeri di selezione “Il concorrente dichiara di possedere tutti i requisiti richiesti dai criteri di selezione barrando direttamente la sezione “α” ovvero compilando quanto segue: ……. c) la sezione C per dichiarare il possesso del requisito relativo alla capacità professionale e tecnica di cui al par. 7.3 del presente disciplinare …..” Si chiede come procedere alla compilazione del DGUE in quanto nel modello fornito tale sezione è barrata/depennata. Si chiede inoltre se i dati relativi ai requisiti di capacità economico-finanziaria, professionale e tecnica dovranno essere indicati anche nella parte IV sezione α del DGUE oltre che alla sezione “B” e “C”.

Risposta:

Il DGUE è un modello pubblicato in formato word da compilare e/o modificare da parte dell’operatore.

Chiarimento n. 17

Domanda:

Gentilissimi si inviano i seguenti quesiti: 1.Cosa si intende con il termine “progetti di comunicazione” come scritto a pg. 10 del disciplinare di gara (paragrafo 7.3) 2. Nello specifico, possiamo intendere come “progetto di comunicazione” fatturazione per: -Servizi Grafici? -Servizi Fotografici? -Ufficio Stampa? -Organizzazione Eventi? 3. Un operatore economico con sede nel Regno Unito, che negli ultimi ha intrattenuto un rapporto stabile di fatturazione con l’Italia, è ammissibile a partecipare in forma associata al presente bando? 4 La comprova del requisito di capacità tecnica e professionale, come da paragrafo 7.3 del disciplinare di gara, ossia le dichiarazioni dell'operatore economico da rendersi in carta semplice possono essere comunicate in un unico foglio excel o vanno comunicate singolarmente su carta semplice? 5. Un bando già assegnato e pubblicato ufficialmente, eseguito ma non ancora fatturato, può essere ammissibile come comprova (paragrafo 7.3 del disciplinare dei gara)? Nb. La fatturazione è prevista verosimilmente per Marzo 2021. 6. Con il termine “quote di qualificazione” (art. 48 comma 12 del Codice) dobbiamo intendere la comprova relativa all’apporto del singolo operatore economico del raggruppamento, come da paragrafo 7.3 del disciplinare di gara? 7. Relativamente al presente Bando cosa si intende per “lavori scorporabili” ex art. 48 del Codice? Ossia: ‘scorporabili’ all’interno di una stessa categoria (come per esempio la produzione di TOTEM all’interno della categoria “Strumenti di comunicazione web”? Oppure si può intendere che un’intera categoria (delle 13 previste nel paragrafo 3 del disciplinare di gara) sia scorporabile (come per esempio la categoria FOTOGRAFIA)? 8. Il lavoro scorporato, ad esempio relativamente alla categoria FOTOGRAFIA (se possa essere inteso come scorporabile), può essere assegnato ad un fornitore esterno al raggruppamento RTI in subappalto? Dunque, questo soggetto come deve essere inquadrato all’interno dell’RTI? Si devono presentare curricula relativi al soggetto “fotografo” in questione? Quali sono i requisiti (come da paragrafo 7.3 Disciplinare di gara) che deve avere/presentare e, in quale proporzione? Tali requisiti relativi ai servizi fotografici, in quale categoria di requisiti vanno considerati (comunicazione, audiovisivo, web)? 9. A pagina 7 del disciplinare di gara (paragrafo 3. Oggetto dell’appalto, importo) ci sono 13 categorie (Piano di comunicazione; Campagna di comunicazione; Strumenti di comunicazione web; Campagna Fotografica; Produzione Documentazione audiovisiva; Produzione Spot Promozionali; Servizio di gestione canali social media; Produzione materiali informativi e pubblicitari; Attività di ufficio stampa; attività di relazione con gli stakeholder; Attività per l’organizzazione di un evento; Attività di media e digital planning e buying) è giusto assumere che a pagina 4 del DGUE (in cui dovranno essere inserite le quote percentuali dei soggetti partecipanti), ogni colonna debba riferirsi ad una delle suddette 13 categorie del disciplinare? E se così non fosse, a cosa si riferisce ogni colonna a pg. 4 del DGUE? 10. A pagina 10 del disciplinare di gara, paragrafo 7.3 “requisiti di capacità tecnico professionale”, è corretto intendere il soggetto “Concorrente” come “il raggruppamento di operatori economici verticale e/o orizzontale”, dunque i requisiti e i relativi importi minimi richiesti (100.000 comunicazione, 60.000 audiovisivo, 25.000 siti web) è da intendersi come somma delle comprove dei singoli operatori economici partecipanti al raggruppamento? Si resta in attesa di riscontro

Risposta:
  1. Si conferma quale requisito quanto indicato all’art. 7.3 del Disciplinare di gara: la realizzazione di uno o più servizi analoghi, a quelli oggetto della procedura di gara, per la realizzazione di uno o più progetti di comunicazione. Per progetti di comunicazione si intende la definizione di un piano di comunicazione e l’ideazione di una campagna di comunicazione.

 

  1. Per progetto di comunicazione si intende: la definizione di un piano di comunicazione e l’ideazione di una campagna di comunicazione Le attività indicate rientrano tra le attività che dovranno essere svolte dall’Aggiudicatario della presente procedura di gara.

 

  1. Nel caso di un’offerta proveniente da un operatore economico extra-UE la stazione appaltante verificherà se l'offerta sia disciplinata dagli accordi internazionali sugli appalti firmati dall'UE, quali l'AAP o gli ALS, per determinare se l'offerente abbia un accesso garantito a tale appalto.

 

  1. È consentito rendere tali dichiarazioni tanto su carta semplice che in file excel.

 

  1. Si conferma quanto indicato nel Disciplinare di gara all’art. 7.3 e il richiamo allegato XVII parte II in merito ai mezzi per provare le capacità tecniche degli operatori economici di cui all'articolo 83 del D.Lgs. 50/2016.

 

  1. Non è possibile comprendere il quesito con riferimento all’art. 48 comma 12 del Codice.

 

  1. Nel Disciplinare di gara presente bando la stazione appaltante ha indicato all’art. 3 “Oggetto dell’appalto” la prestazione principale e quelle secondarie ai sensi dell’art. 48 comma 2 del Codice.

 

  1. Si conferma quanto previsto dall’art. 105 del Codice e indicato dall’art. 9 “Subappalto” del disciplinare di gara. L’Aggiudicatario potrà affidare in subappalto servizi e forniture, compresi nel contratto, in misura non superiore al 40% dell’importo contrattuale a condizione, tra le altre previste, che all'atto dell'offerta siano stati indicati i servizi e le forniture o parti di servizi e forniture che si intende subappaltare. Secondo quanto previsto dall’art. 15 “Busta B – Offerta tecnica” del Disciplinare di gara al punto B) l’operatore economico indica  i nominativi e relativi curricula vitae delle figure professionali che saranno impiegate per la realizzazione dell’appalto. Inoltre nella relazione tecnica, prevista dallo stesso articolo, ai fini della valutazione dell’Offerta tecnica, l’operatore economico deve produrre relativamente al capitolo 3 – criterio 3 il Curriculum/a vitae del/i fotografo/i professionisti con la descrizione delle attività e delle esperienze professionali svolte, in particolare quelle in ambito turistico e culturale.

 

 

  1. Si conferma che la tabella relativa alle percentuali di esecuzione presente a pagina 4 del DGUE si riferisce alle 13 azioni oggetto dell’appalto di cui all’art. 3 del Disciplinare di gara. 

 

 

  1. Si conferma che è corretto intendere quale soggetto concorrente il raggruppamento temporaneo. Secondo quanto indicato dal disciplinare di gara i requisiti di capacità tecnico professionale devono essere posseduti nell’ipotesi di raggruppamento orizzontale sia dalla mandataria sia dalle mandanti e la mandataria deve possedere il requisito in misura maggioritaria. Nell’ipotesi invece di raggruppamenti temporanei di tipo verticale i requisiti di capacità tecnica e professionale devono essere posseduti in misura maggioritaria dalla mandataria e per la parte minoritaria dalle mandanti nel loro complesso ma è ammessa la possibilità che i requisiti siano posseduti dalla sola mandataria, senza che sia richiesta, al fine di favorire la più ampia partecipazione di piccole e medie imprese, una corrispondenza tra la percentuale dei requisiti di qualificazione posseduti e la quota di esecuzione delle prestazioni.

Chiarimento n. 18

Domanda:

Gentilissimi, inviamo i seguenti quesiti per quanto riguarda la Sezione Amministrativa di partecipazione al bando e la sezione Audiovisiva. Sezione Amministrativa 1) Tra i documenti richiesti ai partecipanti è presente: -un'autocertificazione ma non troviamo il dettaglio del documento, potete aiutarci? - CONTRIBUTO A FAVORE DELL’ANAC: al punto 11 del Disciplinare di gara c’è scritto che “Gli operatori economici e le stazioni appaltanti sono esonerati dall'obbligo di versamento dei contributi dovuti all'Autorità per tutte le procedure di scelta del contraente” ma nel riepilogo informativo del bando relativamente ai documenti richiesti ai singoli partecipanti, è indicato anche il Contributo ANAC. Si chiede conferma se in ragione del punto 11 del Disciplinare di Gara i partecipanti siano o meno esonerati dal suddetto versamento. Domande Sezione Audiovisiva: 1. E' possibile utilizzare testimonianze ed interviste per approfondire le tematiche richieste a pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) invece che una voce fuori campo o un testimonial? 2. In caso di utilizzo di un testimonial potrà essere diverso rispetto al Testimonial utilizzato per il documentario "Gli Estensi" (25-35 minuti) a pag. 39 della "Relazione Tecnico Illustrativa"? Potranno essere utilizzati più testimonial? 3. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento B) Le Tematiche Estensi si richiede di produrre 4 video: n. 1 video "fortificazioni"+ n.1 video "affreschi" + n.1 video "luoghi di svago" + n.1 video "attività produttive". L'allegato 2 della Relazione tecnico Illustrativa nel capitolo "Beni Selezionati per tematiche ed itinerari" parla di "attività produttive nelle terre estensi" (4 siti per la provincia di Ferrara, 4 per la provincia di Modena, 3 per Reggio Emilia e 2 per quella di Lucca). il video da Voi richiesto con il nome "Attività produttive" deve includere tutti questi 13 siti? Alla stessa stregua i video intitolati "fortificazioni", "affreschi" e "luoghi di svago" devono toccare tutte le categorie nominate nella medesima (o simile) maniera nella suddetta sezione dell'allegato due (Itinerari "fortificazioni" -36 siti-, itinerari "affreschi" -19 siti- ed itinerari "i luoghi del piacere della corte" -16 itinerari-) ? 4. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 3 video denominati FORTIFICAZIONI. n.1 che riguarda i borghi fortificati della Garfagnana. Questo video deve includere tutti i 12 siti elencati nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "Fortificazioni"/ I Borghi fortificati della Garfagnana? 5. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 3 video denominati FORTIFICAZIONI. n.1 che riguarda Fortificazioni dell'Appennino modenese e reggiano. Questo video deve includere tutti i 12 siti elencati nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "Fortificazioni"/Fortificazioni dell'Appennino modenese e reggiano? 6. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 3 video denominati FORTIFICAZIONI. n.1 che riguarda I Castelli della pianura tra Modena e Ferrara. Questo video deve includere tutti i 12 siti elencati nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "Fortificazioni"/ I Castelli della pianura tra Modena e Ferrara? 7. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 2 video denominati Affreschi. n.1 che riguarda Pareti dipinte nella città di Ferrara. Questo video deve includere tutti gli 11 siti elencati nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "Affreschi"/Pareti dipinte nella città di Ferrara? 8. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 2 video denominati Affreschi. n.1 che riguarda Affreschi nelle province di Modena e Reggio Emilia. Questo video deve includere tutti gli 8 siti elencati nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "Affreschi"/Affreschi nelle province di Modena e Reggio Emilia? 9. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 2 video denominati "I Luoghi del Piacere della Corte". n.1 video che riguarda Le dimore estensi in Provincia di Ferrara Questo video deve includere tutte le 8 dimore elencate nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "i luoghi del Piacere della corte"/Le dimore estensi in provincia di Ferrara? 11. A pagina 38 della "Relazione Tecnico Illustrativa"alla voce "Video Promozionali: n15 video (3-7 minuti) All'argomento C) Gli Itinerari Estensi si richiede di produrre 7 video. n. 2 video denominati "I Luoghi del Piacere della Corte". n.1 video che riguarda Le delizie nelle province di Modena e Reggio Emilia. Questo video deve includere tutte le 8 locations elencate nell'allegato due della medesima relazione tecnico illustrativa, alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "i luoghi del Piacere della corte"/Le delizie nelle province di Modena e Reggio Emilia? 12. In relazione al quesito sopra elencato, in caso di risposta negativa, dove dovranno essere menzionate le locations 6 e 7 nominate nell' Allegato 2 della "Relazione Tecnico Illustrativa" alla voce "beni selezionati per tematiche ed itinerari/ Gli Itinerari Estensi/ Itinerari "i luoghi del Piacere della corte"/Le delizie nelle province di Modena e Reggio Emilia? 13. Esiste materiale di repertorio utilizzabile per la produzione dei video? 14. esistono video di proprietà del MiBACT relativi ai siti in questione? Sono utilizzabili e liberi da diritti i video prodotti per il "cantiere estense"? E' possibile avere lista dell'archivio disponibile in vostro possesso, con i relativi contenuti? 15. E' possibile utilizzare interviste audio, battute, testimonial per la realizzazione di n.20 spot da 30 sec e n.5 spot da 60 sec (pg39 relazione tecnico illustrativa)? 16. A pg. 40 della "relazione tecnico illustrativa" si descrivono n.2 spot di 30 e 60 sec per il mercato italiano ed estero etc. Possibile usare un testimonial di lingua inglese ed offrire una doppia versione: una speakerata in italiano ed una speakerata in Inglese (dal testimonial madrelingua)? i sottotitoli saranno nella prima versione in lingua italiana e nella lingua inglese nella seconda versione. Grazie

Risposta:

Sezione Amministrativa

1. Vedi FAQ nr. 13

2. Si conferma quanto indicato all’art. 11 del Disciplinare di gara “Contributo a favore dell’ANAC: gli operatori economici, ai sensi dell’art. 65 del decreto-legge n. 34 del 19.05.2020, sono esonerati dal versamento dei contributi dovuti a favore dell’ANAC per le procedure di scelta del contraente per le quali il bando sia stato pubblicato prima del 31.12.2020.

Sezione audiovisiva

  1. Si conferma quanto indicato nella Relazione Tecnico Illustrativa a pagina 38 in merito ai Video promozionali  “Il testo di ciascuno dei 15 video, narrato da una voce fuori campo o da un testimonial, deve essere realizzato dall’Aggiudicatario ed è soggetto all’approvazione del Segretariato regionale”.

Non è pertanto esclusa la possibilità di utilizzare testimonianze ed interviste per approfondire le tematiche ma tale utilizzo non può sostituirsi alla voce fuori campo o al testimonial.

L’Aggiudicatario, nella fase di esecuzione del contratto ed in particolare nell’ambito della presentazione del piano editoriale previsto dal punto 6.5 della Relazione tecnico illustrativa, ha la possibilità di  proporre al Segretariato regionale le soluzioni che ritiene più appropriate per il raggiungimento degli obiettivi del progetto. 

  1. Si conferma quanto indicato a pagina 39 della Relazione Tecnico Illustrativa in merito al Documentario: gli Estensi “Il testo narrato da una voce fuori campo o da un testimonial (reale o virtuale) deve essere realizzato dall’Aggiudicatario ed è soggetto all’approvazione del Segretariato regionale”. Il testimonial potrà corrispondere o essere diverso rispetto a quello utilizzato per i Video promozionali: n. 15 video (3-7minuti) decritti a pagina 37. Infatti non è previsto alcun divieto espresso sul numero dei testimonial utilizzati né menzione sull’utilizzo di diversi testimonial per differenti documentari.

L’Aggiudicatario nella fase di esecuzione del contratto ed in particolare nell’ambito della presentazione del piano editoriale previsto dal punto 6.5 della Relazione tecnico illustrativa ha la possibilità di  proporre al Segretariato regionale le soluzioni che ritiene più appropriate per il raggiungimento degli obiettivi del progetto. 

3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 11.

Si conferma quanto indicato nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.5 “Documentazione audiovisiva” per i Video promozionali: si chiede all’Aggiudicatario di descrivere le più rappresentative “attività produttive” sviluppate dagli Estensi. I beni elencati nell’Allegato 2 per la realizzazione del video promozionale  sulle attività produttive sono quelli ritenuti dal Segretariato regionale maggiormente esemplificativi in tale ambito. 

Si conferma inoltre quanto indicato relativamente ai video promozionali  sugli itinerari estensi, fortificazioni, natura e luoghi di svago: i beni indicati nell’Allegato 2 rappresentano, come indicato a pagina 38 della Relazione, una traccia dei beni che devono essere oggetto di tali video.

Rispetto ai beni indicati il Segretariato regionale può richiedere la sostituzione, sempre nell’ambito dell’elenco dei 130 beni più significativi, come indicato a pagina 38 della Relazione.

L’Aggiudicatario nella fase di esecuzione del contratto ed in particolare nell’ambito della presentazione del piano editoriale, previsto dal punto 6.5 della Relazione tecnico illustrativa, ha la possibilità di  proporre al Segretariato regionale le scelte che ritiene più appropriate per il raggiungimento degli obiettivi del progetto.

12. I beni (6) Palazzo del Monte di Pietà e (7) Palazzo Sacrati a Rubiera appartengono all’itinerario “I luoghi del piacere della corte” ed in particolare sono da menzionare all’interno del video delle delizie nelle province di Modena e Reggio Emilia 

13. Il Segretariato regionale non dispone di materiale di repertorio fatta eccezione per i materiali prodotti nel corso della fase del progetto denominata Cantiere Estense.

14. Il Segretariato regionale non è in grado di affermare l’esistenza o meno di video di proprietà del MiBACT relativi ai beni estensi oggetto delle riprese e non ha effettuato una ricognizione in tal senso. Eventuali informazioni al riguardo potranno essere oggetto di scambio di informazioni tra il Segretariato regionale e l’Aggiudicatario nell’ambito del Gruppo di lavoro.

15. Si conferma quanto indicato al punto 6.6 della Relazione Tecnico illustrativa in merito alla “produzione di spot promozionali” ed in particolare “Spot web e social media” devono essere capaci di attrarre i target di riferimento e sono destinati alle finalità individuate: accrescere audience e suscitare interesse.  

L’Aggiudicatario, nella fase di esecuzione del contratto ed in particolare nell’ambito della presentazione del piano di comunicazione del brand Ducato, Estense previsto dal punto 6.1 della Relazione tecnico illustrativa, ha la possibilità di proporre al Segretariato regionale le soluzioni più appropriate per il raggiungimento degli obiettivi del progetto. Tali proposte sono soggette in ogni caso all’approvazione dello stesso Segretariato regionale.

16. Si conferma quanto indicato al punto 6.6 della Relazione Tecnico illustrativa in merito alla “produzione di spot promozionali” ed in particolare “Spot pubblicitari per la promozione del brand Ducato Estense” questi devono essere speakerati in italiano con due versioni una con sottotitoli in italiano e una con sottotitoli in inglese.

L’Aggiudicatario, nella fase di esecuzione del contratto ed in particolare nell’ambito della presentazione del piano di comunicazione del brand Ducato, Estense previsto dal punto 6.1 della Relazione tecnico illustrativa, ha la possibilità di proporre al Segretariato regionale le soluzioni più appropriate per il raggiungimento degli obiettivi del progetto. Tali proposte sono soggette in ogni caso all’approvazione dello stesso Segretariato regionale.

Si ritiene opportuno richiamare l’art.17.1 del Disciplinare di gara “Criteri di valutazione dell’Offerta tecnica” ed in particolare il criterio 8 Proposte migliorative e/o progettuali aggiuntive.

Chiarimento n. 19

Domanda:

In relazione al punto 6.5 della relazione tecnico descrittiva e precisamente nel comma B, si fa riferimento alla possibilità di integrare le riprese originali con materiale d'archivio. Si chiede se tale decisione può essere considerata in capo unicamente all'aggiudicatario, ovviamente previa autorizzazione del committente. Il quesito nasce dall'aleatorietà del costo di acquisizione del materiale d'archivio che è troppo ampia per consentire una corretta valutazione preventiva dell'impatto economico sull'appalto.

Risposta:

In riferimento a quanto indicato nella Relazione tecnico illustrativa in merito all’utilizzo di immagini di repertorio e iconografia si conferma la possibilità dell’Aggiudicatario di proporre l’utilizzo di materiale d’archivio.

Chiarimento n. 20

Domanda:

domanda 1.DGUE Nella parte II del DGUE in caso di raggruppamento temporaneo la tabella indicata "categorie di lavori e le percentuali di esecuzione" è intesa che ogni singola colonna corrisponda ad una "azione" indicata a pag. 7 del disciplinare di gara? In caso affermativo la tabella dovrà avere 13 colonne? E' possibile aggiungerla in forma di allegato? domanda 2. Relazione tecnico illustrativa 6.8 – PRODUZIONE MATERIALI PUBBLICITARI Nel budget dedicato all'azione n. 8 (€. 25.000) vengono considerati compresi anche i costi di stampa del materiale informativo pubblicitario? Cordiali Saluti

Risposta:

1. Si conferma che ad ogni colonna corrisponde ogni singola azione.

2. Si conferma quanto indicato al punto 6.8 della Relazione tecnico illustrativa: l’importo indicato nel Disciplinare di gara all’art. 3 “Oggetto dell’appalto” per l’azione n. 8 “Produzione di materiali informativi pubblicitari è comprensivo dei costi di stampa del materiale informativo e pubblicitario

Chiarimento n. 21

Domanda:

Buonasera, si chiedono i seguenti chiarimenti: 1. Le numeriche indicate nel bando, ovvero: 1 campagna fotografica per 240 beni architettonici, 130 Documentari brevi relativi a 130 beni architettonici (2 minuti), 15 video promozionali itinerari e tematiche (3 – 7 minuti), 1 documentario Gli Estensi 25 – 35 minuti, 20 spot social da 30 secondi e 5 da 60 secondi, 1 spot pubblicitario da 30 secondi e 1 da 60 secondi, 1 spot di presentazione del progetto da 120 secondi e1 da 180 secondi, 1 spot radio per la promozione del brand da 30 secondi, 4 totem multimediali, sono da considerarsi vincolanti al fine della realizzazione del progetto o possono essere proposte, motivandole, numeriche diverse? 2. Saranno resi disponibili eventuali materiali d’archivo o repertorio (audio, video e/o fotigrafico) pre-esistenti per il loro riutilizzo? 3. Il formato di consegna dei documentari, spot e materiali video prevede una risoluzione video minima? I video prodotti su quale supporto devono essere consegnati? 4. I costi vivi legati alla produzione/realizzazione (viaggi, vitto e alloggio degli operatori) sono inclusi o potranno essere fatturati a piè-di-lista? 5. Le musiche, le grafiche e i titoli o per i video e gli spot godono di un budget extra? 6. Ci sono luoghi o edifici che per essere ripresi necessitano di permessi o accessi contingentati? Eventuali liberatorie anche nel caso di coinvolgimento di cittadini negli spot e nei documentari saranno a carico di chi? 7. Le immagini, i video e gli audio realizzati per la destinazione Ducato Estense vengono ceduti totalmente o i diritti di autore e di sfruttamento possono rimanere a chi li ha realizzati? 8. La cartellonistica si dovrà attenere alle convenzioni del codice della strada o potrà essere oggetto di ricerca/produzione artistica? 9. L’offerta dovrà contenere il dettaglio del prezzo per le singole azioni o solo il prezzo complessivo per l’intero progetto? 10. All’atto della stipula contrattuale potrà essere prevista l’introduzione di una clausola di limitazione della responsabilità commisurata al valore del contratto? 11. è possibile indicare tra i requisiti di capacità tecnica e professionale un progetto eseguito in collaborazione con il Gruppo a cui si appartiene e dal quale si è posseduti al 100%? Il progetto è stato tutto fatturato al cliente dalla Capogruppo e poi a sua volta rifatturato per quota parte dalla scrivente. Se dalle fatture si evince la quota parte di lavoro eseguita si può indicare il requisito oppure bisogna ricorrere all’avvalimento?

Risposta:

1. I prodotti e i servizi richiesti dal Capitolato speciale descrittivo e prestazionale rappresentano il quadro esigenziale della committenza al quale è possibile derogare soltanto in termini migliorativi.

2. I materiali d’archivio o di repertorio dovranno essere reperiti da parte dell’Aggiudicatario. Il Segretariato regionale mette a disposizione il materiale prodotto per la fase del Cantiere Estense.

3. Si conferma quanto indicato nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.5 “Documentazione audiovisiva” al punto g) “Standard e modalità di consegna dei materiali audiovisivi.

4. Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale all’art. 14 “Importo dell’appalto”: il corrispettivo contrattuale sarà quello risultante dall’offerta aggiudicata e remunera l’aggiudicatario per tutti gli oneri sostenuti e da sostenere per tutte le attività che egli dovrà porre in essere in adempimento del contratto.

5. Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale all’art. 14 “Importo dell’appalto”: il corrispettivo contrattuale sarà quello risultante dall’offerta aggiudicata e remunera l’aggiudicatario per tutti gli oneri sostenuti e da sostenere per tutte le attività che egli dovrà porre in essere in adempimento del contratto.

6. In merito ai permessi per l’accesso ai luoghi eventuali criticità potranno essere affrontate all’interno del confronto tra il Gruppo di lavoro e il Segretariato regionale.

Tutto il materiale utilizzato e consegnato per la documentazione audiovisiva dovrà essere reso libero da diritti a cura dell’Aggiudicatario.

7. Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo prestazionale e nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.5 “Documentazione audiovisiva” al punto c) “Proprietà e classificazione del materiale audiovisivo”.

8. La progettazione della segnaletica dovrà rispettare le norme e i regolamenti in vigore.

9. La busta telematica “C – Offerta economica” deve contenere, a pena di esclusione, l’offerta economica predisposta su carta libera e contenere il elementi prezzo complessivo al netto di Iva e/o di altre imposte e contributi di legge, nonché degli oneri per la sicurezza aziendali.

Nella stessa busta potrà essere indicato il dettaglio del prezzo per le singole azioni la cui somma deve corrispondere al prezzo complessivo che deve essere indicato a pena di esclusione.

10. Non sono previste clausole di tal genere

11. Si conferma quanto indicato nel Disciplinare di gara all’art. 7.3 e il richiamo allegato XVII parte II in merito ai mezzi per provare le capacità tecniche degli operatori economici di cui all'articolo 83 del D.Lgs. 50/2016.

Chiarimento n. 22

Domanda:

"A pagina 33 della relazione tecnico-descrittiva si afferma che: ""La tipologia di app da utilizzare (nativa, ibrida, web app) deve essere definita dall’Aggiudicatario in considerazione delle caratteristiche dello strumento, delle sue funzionalità e dalle aspettative dei target di riferimento."" È  possibile proporre di gestire anche i contenuti del totem tramite un'apposita distribuzione potenziata e specializzata a utilizzo kiosk del CMS sviluppato per la gestione di contenuti di sito e App?"

Risposta:

Si conferma che non è esclusa la possibilità di adottare tale soluzione.

Chiarimento n. 23

Domanda:

"A pagina 30 della relazione tecnico descrittiva, si menzionano i requisiti del sistema di mailing da integrare nel sito. Si fa riferimento al numero totale di 100.000 iscritti, ma non alla frequenza ipotetica di aggiornamento newsletter. Compatibilmente con la strategia di comunicazione, è corretto ipotizzare una frequenza di aggiornamento in continuità con quanto già in corso per il Cantiere Estense?"

Risposta:

L’Aggiudicatario dovrà valutare la soluzione più appropriata per il corretto funzionamento del sistema di mailing.

Chiarimento n. 24

Domanda:

"1. Nella relazione tecnico-illustrativa si afferma che all'aggiudicatario spetta l’ideazione, la redazione e la pubblicazione dei contenuti sui profili social del Ducato Estense (in coerenza con i target definiti nel Piano di comunicazione consegnato a inizio incarico). L'aggiudicatario dovrà inoltre curare la gestione del passaggio dai profili del “Cantiere Estense” a quelli del “Ducato Estense”. Quindi la fase operativa di gestione dei canali (ideazione, redazione e pubblicazione dei contenuti) a cura dell'Aggiudicatario inizierà soltanto a seguito del passaggio dei canali da ""Cantiere Estense"" a ""Ducato Estense"", oppure si richiederà all'Aggiudicatario la presa in carico operativa dei canali lungo tutti i 18 mesi dell'appalto? 2. È previsto che l'Aggiudicatario metta a disposizione risorse umane in loco per azioni di social media management ""live"" nel corso di eventi o presentazioni relative al progetto?"

Risposta:

1. Si conferma che è richiesto all’Aggiudicatario la presa in carico operativa dei canali social per l’intera durata del contratto.

2. L’Aggiudicatario potrà prevedere tali attività all’interno del Piano di comunicazione di cui all’art. 6.7 “Servizio di gestione dei canali social media” della Relazione tecnico illustrativa.

Chiarimento n. 25

Domanda:

"Nell'ambito della descrizione dell'attività 09 PROGETTAZIONE SISTEMA DI SEGNALETICA, a pagina 43 della relazione tecnico-descrittiva si fa riferimento alla necessità di stabilire ""la collocazione di massima"", e contestualmente a ""la possibilità di utilizzare pali o supporti già esistenti"". Queste attività prevedono un alto livello di progettazione, un massiccio uso degli archivi cartografici sulla segnaletica, ma soprattutto, un numero massiccio di sopralluoghi per verificare la realizzabilità del piano. Il budget stanziato per questa voce è sostanzialmente non sufficiente a svolgere queste attività su tutti e 240 i beni individuati come parte della rete del Ducato Estense. Mentre le linee guida sono di natura generica e applicabili universalmente a tutti e 240 i beni oggetto di valorizzazione, è possibile che gli esempi tecnici, le specifiche di collocazione e apposizione vengano indicate solo su una selezione dei beni più rilevanti?"

Risposta:

Si conferma la richiesta di un servizio di progettazione di un sistema di segnaletica coerente con la  complessità e diversità dei luoghi e che possa trovare esecuzione in termini di fattibilità in una fase successiva.

Chiarimento n. 26

Domanda:

"Nel capitolato speciale descrittivo si legge che il gruppo di lavoro non deve essere modificato, né nel numero complessivo, né nella persona dei singoli componenti, se non per motivata ragione e con l’assenso del Segretariato regionale. La qualifica di giornalista pubblicista, da parte del capo ufficio stampa che sarà parte del Gruppo di Lavoro, è quindi condizione necessaria e obbligatoria ai fini dell'idoneità all'incarico e della partecipazione alla procedura, o è possibile argomentare e motivare nella proposta la scelta di una figura priva di questa qualifica? In particolare, di una figura che abbia una consistente esperienza dimostrabile di gestione ufficio stampa in ambito di promozione turistica e culturale, allegando il curriculum?"

Risposta:

Si conferma quanto indicato nel Capitolato speciale descrittivo e prestazionale e cioè l’esigenza che nel Gruppo di lavoro sia presente un capo ufficio stampa con la qualifica di giornalista pubblicista.

Chiarimento n. 27

Domanda:

Nella documentazione di gara si specifica che è richiesta la gestione dei servizi correlati all’organizzazione di un evento per la presentazione del progetto Ducato Estense. A quali destinatari si intende rivolgere questo evento? Ci si riferisce a un evento di presentazione del progetto destinato a stakeholder e partner istituzionali nel mondo della cultura e del turismo, o a un evento in grado di presentare e veicolare il brand anche ad un pubblico generalista?

Risposta:

L’Aggiudicatario è tenuto a proporre al Segretariato regionale la soluzione più adeguata per il raggiungimento degli obiettivi del progetto e in linea con il Piano di comunicazione del brand Ducato Estense.

Chiarimento n. 28

Domanda:

"È possibile prevedere degli step intermedi di fatturazione a completamento di obiettivi intermedi? Eventualità A – Idealmente in deadline individuate dopo in 6 tranche di pagamento, suddivise nei 18 mesi? Eventualità B – Per sempio, sulla produzione di materiale audiovisivo, possiamo fatturare a completamento del 30%, 60% e 100% dei luoghi da riprendere."

Risposta:

Si conferma quanto indicato all’art. 18 “Pagamenti e modalità di fatturazione” del Capitolato speciale descrittivo e prestazionale per l’individuazione delle modalità di fatturazione.

Chiarimento n. 29

Domanda:

È possibile presentare un soggetto il cui capofila non sia esecutore dell'azione 05, evidenziata come "principale", ma questa azione sia invece responsabilità di altri soggetti più operativi, come agenzia di rilievo fotografico/dronistico e agenzia di produzione media?

Risposta:

Si conferma quanto previsto dal Codice e dall’art. 7.4 “Indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, GEIE“ del Disciplinare di gara: la mandataria di un raggruppamento temporaneo di imprese di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

Chiarimento n. 30

Domanda:

"A pagina 11 del Capitolato Speciale Descrittivo si riporta che ""Il pagamento delle fatture è effettuato entro 30 (trenta) giorni dal ricevimento delle stesse."" Nel caso in cui questi tempi non venissero rispettati, si potrebbero generare costi bancari. In caso di non rispetto da parte del ministero delle scadenze di pagamento, può il gruppo di lavoro domandare il rimborso dei costi bancari dimostrabili?"

Risposta:

Il pagamento delle fatture avverrà entro 30 giorni dalla presentazione previa accreditamento delle risorse da parte del Superiore Ministero.

Chiarimento n. 31

Domanda:

"A pagina 11 del disciplinare di gara si riporta che: ""Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito di cui al precedente punto 7.3 deve essere posseduto sia dalla mandataria sia dalle mandanti. Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria. Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito deve essere posseduto dalla mandataria."" Dunque, nei raggruppamenti temporanei orizzontali, il requisito di capacità tecnica professionale 7.3 deve essere soddisfatto complessivamente dal gruppo di lavoro, con maggiore percentuale riscontrabile nella mandataria? O interamente dalle singole realtà costituenti?"

Risposta:

Si conferma quanto previsto dal Codice e dall’art. 7.4 “Indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, GEIE“ del Disciplinare di gara: nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito di cui al punto 7.3 “Requisiti di capacità tecnica professionale” deve essere posseduto sia dalla mandataria sia dalle mandanti, il requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria.

Chiarimento n. 32

Domanda:

"A pagina 38 del Disciplinare di Gara si dichiara che: ""Ai sensi dell’art. 105, comma 2, del Codice l’affidatario comunica, per ogni sub-contratto che non costituisce subappalto, l’importo e l’oggetto del medesimo, nonché il nome del sub-contraente, prima dell’inizio della prestazione. L’affidatario deposita, prima o contestualmente alla sottoscrizione del contratto di appalto, i contratti continuativi di cooperazione, servizio e/o fornitura di cui all’art. 105, comma 3, lett. c bis) del Codice."" Dunque, qualora lo staff della società sia composto da soggetti che intercorrono diverse relazioni lavorative e contrattuali, ed essendovi tra questi soggetti collaboratori coinvolti tramite prestazioni a partita IVA, il loro coinvolgimento si configura come sub-contratto e non come subappalto, e non concorre al raggiungimento della soglia del 40%, corretto?"

Risposta:

Si rimanda a quanto previsto dall'art. 105 commi 2 e 3 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.

Chiarimento n. 33

Domanda:

Buongiorno, In caso di partecipazione in forma di RTI verticale, i requisiti di capacità tecnica e professionale previsti al punto 7.3 (su progetti di comunicazione, realizzazione di audiovisivi di carattere tustico-culturale, realizzazione di siti web e applicazioni per mobile) devono essere tutti soddisfatti dalla mandataria o possono essere integrati dalle mandanti? Nello specifico, visto che l’attività indicata come principale è quella di produzione audiovisiva, è sufficiente che l’azienda mandataria soddisfi il requisito di fatturato minimo in realizzazione di audiovisivi di carattere turistico-culturale e le mandanti coprano la parte di comunicazione, realizzazione siti web e applicazioni per mobile?
 Grazie e cordiali saluti.

Risposta:

Nell’ipotesi di raggruppamenti temporanei di tipo verticale i requisiti di capacità tecnica e professionale devono essere posseduti in misura maggioritaria dalla mandataria e per la parte minoritaria dalle mandanti nel loro complesso ma è ammessa la possibilità che i requisiti siano posseduti dalla sola mandataria, senza che sia richiesta, al fine di favorire la più ampia partecipazione di piccole e medie imprese, una corrispondenza tra la percentuale dei requisiti di qualificazione posseduti e la quota di esecuzione delle prestazioni.

Chiarimento n. 34

Domanda:

In riferimento a quanto scritto nella relazione tecnica illustrativa, lì dove si indica che le riprese devono documentare quanto contenuto nei testi illustrativi presenti nelle schede di ciascun bene (abstract e testo lungo). Chiediamo se sia possibile visionare un testo lungo.

Risposta:

I testi descrittivi dei beni estensi denominati “lunghi” potranno essere messi a disposizione dell’Aggiudicatario solo successivamente alla sottoscrizione del contratto.

Chiarimento n. 35

Domanda:

in merito alla richiesta di realizzazione di Spot radiofonico per la promozione del brand Ducato Estense, volevamo avere specifiche e dettagli sulla produzione, ovvero di quanti spot parliamo, minutaggio, se in una o più lingue, e qualsiasi altra informazione utile alla valutazione della richiesta

Risposta:

Si conferma quanto indicato nella Relazione tecnico illustrativa al punto 6.6 “Produzione di spot promozionali”: uno spot radiofonico in italiano della durata di 30 secondi.

Chiarimento n. 36

Domanda:

è possibile, partendo dallo stesso concept creativo, presentare due sviluppi grafici differenti pur rispettando il numero di pagine massimo indicato?

Risposta:

Si conferma quanto indicato  nel Disciplinare di gara all’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica” in riferimento al Criterio 1 è richiesta la presentazione di una proposta creativa per la realizzazione del marchio/logotipo del brand Ducato Estense.

Chiarimento n. 37

Domanda:

- in caso di raggruppamento temporaneo di imprese, il DGUE deve essere compilato singolarmente da ciascuna azienda, o deve essere consegnato un unico DGUE valido per tutte? - Il Passoe deve essere consegnato per tutte le aziende facenti parte del raggruppamento temporaneo non ancora costituito o è sufficiente il passoe della mandataria?

Risposta:
  1. Deve essere consegnato un DGUE per ciascuna azienda. Secondo quanto indicato nello schema allegato al DM del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 18 luglio 2016 e successive modifiche a p. 11, alla sezione “forma di partecipazione” viene richiesto: “l’operatore economico partecipa alla procedura di appalto insieme ad altri?”. In caso di esito affermativo l’operatore si dovrà “accertare che gli altri operatori interessati forniscano un DGUE distinto”.
  2. Ai fini del rilascio del PASSOE si conferma l’obbligo di registrazione su AVCPass di ciascun operatore economico facente parte del raggruppamento. Secondo quanto previsto dalla Deliberazione n. 157 del 17.2.2016, recante l’aggiornamento della Deliberazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici 20 dicembre 2012, n. 111 il Passoe “consente la corretta identificazione del concorrente e, qualora lo stesso si presenti in forma aggregata, di tutti i soggetti che lo compongono” (art. 2, comma 3, lett. b).

Chiarimento n. 38

Domanda:

Gentilissimi, è possibile prevedere nel gruppo di lavoro figure aggiuntive oltre a quelle elencate al paragrafo 2 del Capitolato tecnico? Cordiali Saluti

Risposta:

Le figure previste al paragrafo 2 del Capitolato Tecnico rappresentano la composizione minima del gruppo di lavoro.

Chiarimento n. 39

Domanda:

E’ consentito l’avvalimento da parte di un Libero Professionista con partita iva e regolarmente iscritto ad un ordine professionale?

Risposta:

L'avvalimento è disciplinato dall'art. 89 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. e, nello specifico, dall'art. 8 del Disciplinare di gara.

Chiarimento n. 40

Domanda:

In merito alla compilazione dell'offerta tecnica, capitolo 7, Qualità del soggetto offerente in relazione a precedenti esperienze in progetti analoghi e qualità delle risorse professionali proposte per il Gruppo di lavoro, si richiede di indicare l'Elenco dei nominativi e relativi curricula vitae delle figure professionali chiamate a far parte del Gruppo di lavoro previsto dal paragrafo 2 del Capitolato tecnico (massimo 2 pagine per ciascun CV). Gli stessi cv del team di lavoro dovranno essere inseriti anche nel punto b. Domanda: visto che si richiede di inserire nell'offerta tecnica, al punto 7, tutti i nominativi del gruppo di lavoro completo , considerate le richieste esplicitate nel capitolo 2 del capitolato tecnico, è corretto accompagnare i nominativi da una scheda descrittiva (una sorta di riassunto del cv) di massimo due pagine per ognuno? è corretto asserire che i cv con tutte le indicazioni e senza vincoli di pagine verranno poi inseriti nella sezione B)? Saluti

Risposta:

Si conferma quanto indicato nel Disciplinare di gara all’art. 15 “Contenuto della busta B – Offerta tecnica”: il punto b) si riferisce ai nominativi e relativi cv delle figure professionali  impiegate a qualsiasi titolo nella realizzazione dell’appalto, senza vincoli di pagine per ciascun cv. In merito al Capitolo 7 della Relazione dei servizi offerti, l’inserimento dei nominativi  e dei relativi CV delle professionalità facenti parte del Gruppo di lavoro di cui all’art. 2 “Modalità di esecuzione e Gruppo di lavoro” del Capitolato, con una lunghezza massima di due pagine per ciascun CV, è richiesta ai fini della valutazione della qualità dell’offerta tecnica e nello specifico per il conseguimento del punteggio relativo al Criterio 7.